Recensione: La lama dell’assassina di Sarah J. Maas

“Il mio nome è Vento. E Pioggia. E Ossa e Polvere. Il mio nome è il frammento di una canzone ormai dimenticata. […] Io non ho nome. Io sono chiunque il mio destino mi dice di essere.”

Ciao lettori! Oggi sono qui per parlarvi di “la lama dell’assassina” libro che ho letto dopo il trono di ghiaccio e che mi è piaciuto da impazzire! Andrebbe letto prima di ToG, perché gli eventi narrati avvengono cronologicamente prima di ToG e non si capirebbero alcuni riferimenti, ma credo che se lo avessi letto prima non lo avrei apprezzato allo stesso modo perché non avrei conosciuto ancora Celaena.

Dopo tutta questa pappardella, dovete leggere la lama dell’assassina anche se non siete amanti dei racconti, perché ne vale assolutamente la pena e perché i racconti sono strettamente collegati l’uno con l’altro e sono narrati in ordine cronologico. Non sembra di leggere racconti, ma un libro classico.

È una storia ricca di azione, avventura e colpi di scena. Mi ha tenuta incollata alle pagine e mi ha fatta emozionare tantissimo. Ci sono state delle scene che mi hanno fatta rabbrividire e ho anche pianto. C’è una scena in particolare molto forte che potrebbe dare fastidio ai più sensibili, ma che è fondamentale nella storia per capire il perché di certi comportamenti di Celaena.

In questo libro mi sono innamorata di Sam. E non posso dire altro.
Caelena è una delle protagoniste che amo, una lettrice accanita e una guerriera. E poi c’è Arobynn che ho odiato con tutto il cuore.

È un libro della saga che va letto assolutamente e che serve per conoscere meglio Celaena. Si merita 5/5 ★ senza alcun dubbio.

Per concludere vi lascio due citazioni:
“Se riesci a capire come sopportare il dolore, puoi sopravvivere a qualsiasi cosa. Alcune persone imparano ad accettarlo, ad amarlo persino. Alcuni resistono soffocandolo con altre sofferenze, oppure sforzandosi di dimenticare. Altri lo trasformano in rabbia.”

“E da oggi in poi non voglio più stare lontano da te. Ovunque andrai, ti seguirò. Anche se questo
significasse andare fino all’inferno… dovunque sarai tu è dove vorrò stare anch’io. Per sempre.”

Recensione: Ragazzo, uomo e nemo di Damiano Dario Ghiglino

“Dopotutto a cosa servono le parole? A coprire il silenzio. Siamo sicuri che siano i silenzi quelli cattivi, da eliminare? Il ragazzo non ne è certo. A volte sente il bisogno di dire qualcosa, poi non può fare a meno di bloccarsi, si arena su un pensiero, un’immagine, una memoria, un rimpianto. I pensieri sono meglio delle parole. Non sono silenzio, ma ne portano rispetto. Sono più discreti, meno invadenti. Meglio così. Una parola di troppo è in grado di denudare un’anima. “

Ciao lettori! Oggi sono qui per parlarvi di un romanzo di formazione che mi ha catturata subito.

Con scrittura a tratti filosofica l’autore racconta la storia di Eric, o meglio è Eric stesso a raccontare la sua storia, tanto da diventare un tutt’uno con l’autore.

È la storia di un viaggio alla ricerca di se stessi, un intersecarsi di passato e presente che mi ha conquistata. All’inizio non riuscivo a capire chi stesse raccontando la storia, ma nel corso della lettura capiamo che è Eric a parlare di se stesso ad un’amica, Irina.
Eric racconta tutti gli incontri che ha fatto nei diversi luoghi che ha visitato e come questi incontri abbiano influito sulla sua personalità e su ciò che ha deciso di diventare.

È un libro estremamente realistico che tratta temi come l’abuso di sostanze, la difficoltà di trovare il proprio posto nel mondo, il coming – out, la crescita, il dolore, il non avere fissa dimora, l’amore e la perdita di una persona cara.

L’autore inserisce molte riflessioni filosofiche come questa: “Eppure quante circostanze differenti ci portano a essere quelli che siamo, quante eventualità conducono inesorabilmente al presente” portando il lettore a riflettere con lui e a porsi domande.

È la narrazione di un viaggio, il viaggio della vita vissuto dal protagonista. È coinvolgente e fa venire voglia di scoprire di più su Eric e su tutte le persone che hanno contribuito a farlo diventare ciò che è, perciò si legge con molta facilità.

È una bella storia che si legge velocemente a cui do 3,5/5★.

Book e Manga Haul di agosto

Ciao lettori! Eccomi pronta a parlarvi degli arrivi del mese di agosto!

Inizio dai libri e poi passo ai manga, come sempre.

1) Il vagabondo delle stelle, Jack London

Libro della collana RBA “I maestri del fantastico” che mi ispira tantissimo.

Nel braccio degli assassini di San Quentin, in California, il protagonista viene regolarmente sottoposto alla tortura della camicia di forza. Ma in quella condizione disperata, con feroce autodisciplina, riuscirà a trasformarsi in un moderno sciamano che attraversa le barriere del tempo come muri di carta.

2-3) Wolfsbane & Bloodrose, Andrea Cremer

Con questi due libri concludo una trilogia che ho sempre voluto leggere e che spero mi piacerà.

Ecco la trama del primo:

Tutte le diciassettenni sognano di incontrare il vero amore. Tutte tranne Calla Tor. Nella sua testa c’è un solo costante pensiero: squarciare la gola dei suoi nemici. Calla è la femmina Alfa di una delle più potenti famiglie di Guardiani che vivono in America, creature magiche capaci di trasformarsi in lupi, e responsabili della protezione dei luoghi sacri. Ma Calla, destinata al maschio Alfa del branco vicino, sceglierà una strada diversa, semplicemente salvando un escursionista, un ragazzo della sua stessa età ferito da un orso. Da quel momento niente sarà più come prima, perché Shay – l’irresistibile umano – custodisce un segreto che potrebbe cambiare le sorti del mondo e far vacillare il cuore saldo di Calla.

4) Selina Penaluna, Jan Page

Questo è un libro autoconclusivo che ho preso ad un mercatino per 2 euro e che ho visto su qualche profilo instagram. Mi ispira parecchio!

Selina Penaluna è una sirena, così le diceva sempre sua madre, prima di abbandonarla. Raccontava che sua figlia neonata le era caduta in una pozza senza fondo, e il mare le aveva restituito lei: bionda, pallida come il marmo e dagli occhi viola. Così Selina è cresciuta come una sirena: bellissima e selvatica, senza scuola, in riva all’oceano. Jack ed Ellen sono due gemelli sfollati in Cornovaglia all’inizio della guerra e affidati a una ricca famiglia. L’incontro con Selina lascerà nelle loro vite un segno indelebile, che riapparirà prepotente quando Ellen, ormai anziana e alle prese con un trasloco, sarà costretta ad affrontare il ricordo di Jack innamorato della sua sirena. Una storia d’amore e segreti, gelosia e speranza, rimpianti e promesse racchiuse nella profondità del mare.

5) Non ci sono solo le arance, Jeanette Winterson

Libro consigliato da Giada di Reading Can Save Us e che ho comprato a solo 1 euro ad un mercatino al mare.

Ecco la trama:

In una cittadina della provincia inglese, presso una famiglia bigotta che l’ha adottata, Jeanette vive la sua “diversità” che la spinge ad amare una coetanea senza alcuna malizia. Ma la gente si chiede: sfortunata vittima o creatura malvagia?

6) Downsiders, Neal Shusterman

Libro che ho preso sempre al mercatino al mare per due euro e che ovviamente ho scelto di acquistare per l’autore.

Ecco di cosa parla:

Nel sottosuolo di New York vivono gli Oscuri, un popolo misterioso che ha scelto di non vedere mai la luce del sole. La loro legge vieta severamente ogni contatto con il Mondo di Sopra. Ma Artiglio, un ragazzo curioso e coraggioso, va contro le regole e si avventura in superficie. Lì incontra Lindsay, una ragazza che cambierà per sempre la sua vita e quella della sua gente.

Questo mese i libri son stati pochi… ma i manga sono parecchi!

1) Alice in Wonderland (completa), Jun Abe

Adattamento manga del film di Tim Burton. Non vedo l’ora di leggere questi due volumetti!

2) Takane & Hana da 14 a 17, Yuki Shiwasu

Mi manca solo il numero 8 e poi finalmente potrò continuare a lettura della serie.

Quando Hana sostituisce la sorella ad un incontro a scopo matrimoniale non si aspetta certo di essere insultata e chiamata “banale” e “piatta” dal bellissimo Takane! Furiosa, decide di cambiare la situazione a suo vantaggio, accettando di stare con lui invece che rifiutarlo. Riusciranno questi due a trovare l’amore?

3) Card Captor Sakura Clear Card 9, CLAMP

Non penso di dovervi dire molto su questa serie, sapete quanto la amo!

La storia prende piede dopo gli eventi della serie precedente, con Sakura che lascia le elementari e inizia la sua nuova vita da studentessa delle medie. Finalmente fa il suo ritorno anche l’amato Shaoran ma quando tutto sembra andare per il meglio, la piccola Sakura fa uno strano sogno in cui appare una misteriosa figura e le sue carte subiscono un improvviso cambiamento diventando trasparenti…

4) Living – Room Matsunaga – San 2, Keiko Iwashita

Una serie che sto adorando!

Miko, per motivi personali, ha deciso di lasciare casa e andare a stare nella pensione di suo zio. Il giorno del trasloco, durante il tragitto, si imbatte in un uomo che urla al telefono, un tipo minaccioso, che prende a seguirla. Terrorizzata, gli spruzza addosso uno spray che ha nella borsetta. Arrivata ormai a destinazione, scopre che quel tizio non la stava affatto seguendo per importunarla, ma che anche lui vive lì! Si tratta di Matsunaga, uno dei suoi nuovi coinquilini. Assieme a lui popolano la casa la bella Asako, lo studente universitario Ryou, la misteriosa Akane, il dongiovanni Kentarou e un gatto! Riuscirà Miko, che è ancora una liceale, ad adattarsi, visto che i suoi coinquilini sono tutti adulti?

5) Beyond the clouds 1, Nicke

Ammetto di aver preso questo volumetto per la copertina… Vi farò sapere su instagram cosa ne penso.

Nella Città Gialla, il fumo della fabbrica annebbia il cielo. Il giovane Theo non ha mai lasciato la città né visto le stelle e, nonostante abbia sempre sognato l’avventura è costretto ad affrontare la realtà, mettendo in pratica il suo talento per le macchine presso il negozio di riparazioni Chikuwa. Ma quando trova una bambina alata ferita e affetta da amnesia, la sua vita cambia per sempre. Il nome della bambina è Mia, e Theo si attiva subito per riparare la sua ala. La loro ricerca per trovare la casa di Mia li porterà oltre le nuvole e più lontano di quanto avrebbero mai immaginato.

6) Shirayuki dai capelli rossi 3-4-5, Sorata Akiduki

I primi due volumi non mi sono piaciuti granché. Vedremo se cambierò idea con questi tre…

Shirayuki è nata con degli splendidi capelli di colore rosso acceso. Questa caratteristica, che le conferisce un fascino particolare, attira l’interesse del famigerato principe Raji, disposto a tutto pur di farla sua, tanto che la ragazza si vede costretta a lasciare il paese per sfuggire all’ordine di diventare la sua concubina. Giunta nel bosco di un vicino regno, Shirayuki s’imbatte in Zen, un ragazzo che fin da subito le offre aiuto e protezione, ma di cui ignora ancora la reale identità…

7) We Never Learn 13-14-15, Taishi Tsutsui

Altra serie che sto adorando!

Nariyuki Yuiga è determinato ad impegnarsi al massimo pur di ottenere una borsa di studio che sia in grado di sollevare la sua povera famiglia dalle spese scolastiche. Qualunque cosa lui faccia, tuttavia, sembra non riuscire mai a superare le sue due compagne di banco: Rizu Ogata, alla sua destra, è infatti un genio nelle materie scientifiche – mentre Fumino Furuhashi, alla sua sinistra, incredibilmente portata per le materie letterarie. Naiyuki si rivolge quindi al preside dell’istituto, il quale gli propone un patto: il ragazzo dovrà fare da tutor ad entrambe le ragazze per gli esami di ingresso all’università! Sorprendentemente, infatti, Rizu ha intenzione di iscriversi alla facoltà di Letteratura, mentre Fumino a quella di Scienze…

8) Land of the Lustrous 1, Haruko Ichikawa

Manga che ho preso per l’edizione, ma anche perché ultimamente ne ho sentito parlare molto bene.

In un lontano futuro, nasce una nuova forma di vita chiamata Houseki, detta anche Gems (pietra preziosa). I 28 Houseki devono combattere contro i Tsukijin (popoli della Luna) che vogliono attaccarli e trasformarli in ornamenti. Per contrastare questa minaccia, a ciascun Houseki viene assegnato un ruolo preciso come guerriero, medico, e così via. Seguiamo le avventure di Phos, una Houseki a cui non è stato affibbiato alcun incarico, benché lei desideri diventare una combattente. Tutto ha inizio quando il gestore dei gioielli preziosi, Kongo, le chiede di lavorare per una rivista di storia naturale.

9) Black Butler 30, Yana Toboso

Di questa serie esce un volume ogni morte di papa, ma mi piace un sacco. Devo solo mettermi in pari xD

Sebastian Michaelis è il maggiordomo dell’antica e potente casata londinese dei Phantomhive. Indossa sempre un frac nero e miscela con grazia il più forte tè rosso del mondo. Egli può vantare qualità come una perfetta istruzione, le buone maniere, la conoscenza delle arti marziali ed altri talenti in qualsiasi altro settore immaginabile… oltre ad una natura non propriamente umana. Questi è però costretto ad accondiscendere alle esigenze di un padroncino di 12 anni, Ciel Phantomhive, al quale, comunque, dimostra sempre fedeltà assoluta. Ben presto la comparsa di tragici ed inaspettati eventi, porterà a scoprire lentamente i segreti di questo intrigante ed insolito duo.

10) L’attacco dei giganti 18-19-22-23-25-27-33 + variant + short stories 4, Hajime Isayama

Sì, ho fatto il recuperone dei numeri che mi mancavano. Sì, sono quasi pronta a rileggere la serie dall’inizio per godermela appieno…

Diverse centinaia di anni fa, la razza umana fu quasi sterminata dai giganti. Si racconta di quanto questi fossero alti, privi di intelligenza e affamati di carne umana; peggio ancora, essi sembra divorassero umani più per piacere che per necessario sostentamento. Una piccola percentuale dell’umanità però sopravvisse asserragliandosi in città circondate da mura estremamente alte, anche più alte del più grande dei giganti. Eren è un adolescente che vive in una di questa città, dove non si vede un gigante da oltre un secolo. Ma presto un orrore indicibile si palesa alle sue porte, ed un gigante più grande di quanto si sia mai sentito narrare appare dal nulla abbattendo le mura ed imperversando assieme ad altri suoi simili fra la popolazione. Eren, vinto il terrore iniziale, si ripromette di eliminare ogni singolo gigante, per vendicare l’umanità tutta.

11) Jujutsu Kaisen 0 e da 3 a 9, Gege Akutami

Altro recuperone. Non vedo l’ora di continuare questa serie!

Itadori Yūji è uno studente all’apparenza normale, che di normale non ha nulla, che frequenta il Club dell’Occulto. I suoi compagni si troveranno nei guai dopo aver trovato il dito mummificato di Ryomen Sukuna, la più feroce divinità demoniaca, e per salvarli così da diventare più forte sarà costretto a ingoiarlo. Yūji diventa tutt’uno con il demone e sotto la guida del più potente degli stregoni, Satoru Gojō, entra nell’Istituto di Arti Occulte di Tokyo, un’organizzazione che combatte le Maledizioni; il suo destino è già scritto: dovrà cercare tutte le 20 dita di Sukuna, ingerirle per poi essere ucciso, così da porre fine una volta per tutte alla minaccia che alberga dentro di lui.

12) Shaman King da 6 a 10, Hiroyuki Takei

Serie che sto amando follemente!

Discendente di un’antichissima famiglia di sciamani, Yoh Asakura possiede l’abilità di vedere gli spiriti. Pur desiderando una vita tranquilla, il ragazzo parteciperà allo Shaman Fight, un torneo tra sciamani che ha luogo ogni 500 anni con lo scopo di eleggere lo Shaman King, colui che, unendosi al Grande Spirito, trasformerà la grande distruzione del mondo in una grande rigenerazione.

13) Haikyuu 44-45, Haruichi Furudate

Ultimi due volumi di una serie di cui, come sapete, non ho ancora letto alcun volume. Ma sto amando l’anime e, non appena recupererò gli arretrati, leggerò anche il manga.

Dopo aver assistito a una partita di pallavolo, il giovane Shouyou Hinata si pone come personale obbiettivo di diventare “Il piccolo Gigante” di quello sport. Entrato nel club di pallavolo della sua scuola media, affronta insieme alla squadra il torneo interscolastico ma lui e i suoi compagni devono inchinarsi di fronte a una forte squadra guidata sa un formidabile giocatore di nome Tobio Kageyama. Desideroso di arrivare ai vertici e di prendersi la rivincita su Kageyama, Shouyou continua a praticare la pallavolo anche alla sua entrata alle superiori dove però trova nel club scolastico proprio il suo rivale Kageyama.

14) My Hero Academia 28, Kohei Horikoshi

Anche di questo manga sto seguendo l’anime e ho un sacco di numeri arretrati da recuperare…

A causa di una mutazione genetica del quinto dito del piede, il genere umano ha ottenuto la capacità di sviluppare dei superpoteri, denominati “quirk”, che si manifestano per la prima volta all’età di quattro anni. Queste particolari abilità hanno consentito lo sviluppo di una nuova categoria di persone, gli eroi, i quali combattono contro i supercriminali che seminano il terrore nel mondo. Affascinato dagli eroi sin dalla più tenera età, Izuku Midoriya è uno studente delle scuole medie che ha sempre sognato un giorno di entrare a far parte di questa cerchia. Tuttavia, Izuku è un ormai rarissimo essere umano nato senza quirk, ragion per cui egli viene continuamente deriso dai suoi coetanei che lo chiamano Deku (lett. “sfigato”). Izuku però non si arrende e, pur non essendo dotato di poteri, cerca lo stesso di seguire sempre il suo ideale di giustizia, tanto che un giorno il suo ardore verrà notato da All Might, l’eroe più potente mai esistito.

.

.

Siamo giunti alla fine. Che ne pensate di questi arrivi?

.

.

.

.

.

.

Trame prese da Goodreads e Animeclick

Recensione: Gradier di Isabella Ciampa

Ciao lettori! Oggi sono qui per parlarvi del primo libro di una serie fantasy con le fate tra i principali protagonisti.

Il primo capitolo mi è piaciuto moltissimo perché ha la giusta dose di mistero e di magia che mi ha catturata e mi ha fatto venire voglia di continuare la storia.
Però tutto il resto del libro mi è sembrata una grande introduzione della serie.

I capitoli sono scritti alternativamente dal punto di vista di Edwin e la Donna Rossa, ossia i due protagonisti, fratello e sorella che sono stati separati da piccini. Edwin parte alla ricerca di sua sorella, finita nel mondo delle fate, e viaggiamo con lui per cercarla. La Donna rossa combatte sperando di poter prima o poi tornare nel suo mondo. Ma manca qualcosa a mio parere. I personaggi che ruotano intorno ai due protagonisti non sono ben caratterizzati, sono come accennati e non approfonditi e non aggiungono molto alla storia.

I protagonisti non si incontrano. Non c’è abbastanza azione e soprattutto è mancata la magia e il sapore di leggenda che si pregustava nel primo capitolo. Ci sono poche fate, mancano i colpi di scena, non sono riuscita ad affezionarmi ai personaggi né ad emozionarmi.

È senza dubbio una storia scritta bene e un
inizio di serie carino, ma è troppo poco approfondito, mi è sembrata davvero solo una lunga introduzione. Alcuni capitoli mi hanno coinvolta, ma altri no.

Mi è piaciuta tantissimo, però, l’idea che il mondo degli umani e quello delle fate siano stati uniti un tempo e poi separati per portare la pace. Ed è bella l’idea che il mondo delle fate sia sospeso nel cielo, mentre quello degli umani è sulla terra. Avrei voluto un maggiore approfondimento su questo passato, su come gli umani e le fate vivessero in armonia e su come gli equilibri si siano spezzati.
Potrei leggere il secondo libro perché questo primo libro mi ha incuriosita e spero che il seguito abbia tutti gli elementi che ho sentito carenti in questo.

Il mio voto è di 3/5★. Un inizio che incuriosisce.

Recensione: Rovina e Ascesa di Leigh Bardugo

“La bellezza era la tua armatura. Qualcosa di fragile, tutta apparenza. Ma dentro di te?
Dentro di te c’è l’acciaio. Coraggioso e indistruttibile. E non ha nessun bisogno di essere aggiustato.”

Ciao lettori! Ebbene sì, ho terminato la trilogia del Grishaverse.
Devo dire che rispetto al primo e al secondo libro, questo mi è piaciuto meno, l’ho trovato un po’ lento in alcune parti e non sono stata totalmente coinvolta dall’inizio. Ma con le ultime cento pagine si è ripreso totalmente coinvolgendomi ed emozionandomi.

Con questo terzo libro ho amato ancora di più Mal, non riesco a capire perché tutti si accaniscano contro di lui, è dolce e dà tutto se stesso ad Alina. Alina mi è stata un po’ sulle scatole perché era continuamente indecisa. Cosa ci vuole a capire che Mal è l’uomo giusto?
E poi c’è L’oscuro… Qualcuno mi può spiegare come ci si fa ad innamorare di lui? Io non lo sopporto!

Amore, lotta, coraggio, sacrificio sono gli elementi principali di questo terzo libro. E io ve lo dico, se non amerete Mal in questo libro la cosa mi sembrerà alquanto strana! Perché non c’è niente di negativo in lui in questo libro, come anche nei libri precedenti…

Nonostante la lentezza di alcune parti, “Rovina e Ascesa” è un bellissimo finale per la trilogia e mi ha soddisfatta pienamente.
Do 4,5/5 ★ a questo libro.

Vi lascio tre citazioni per concludere:
“Forse l’amore era una superstizione, una preghiera che recitavamo per tenere lontana l’inesorabile solitudine. Inclinai indietro la testa. Le stelle sembravano vicine tra loro, ma in realtà erano a milioni di chilometri di distanza l’una dall’altra. Forse amare significava solo avere nostalgia di qualcosa di impossibilmente luminoso e per sempre inafferrabile.”

“Nessuno di loro era facile né tenero né semplice. Erano come me, covavano dolori e ferite nascoste, erano tutti spezzati in modi diversi. Non ci combinavamo molto bene. Avevamo bordi così seghettati che a volte ci tagliavamo a vicenda, ma mentre mi rannicchiavo su un fianco, il calore del fuoco dietro la schiena, sentii un’ondata di gratitudine così dolce che mi si chiuse la gola. E con essa arrivò la paura. Averli vicini era un lusso che avrei pagato. Ora avevo di più da perdere.”

“Io so solo che non c’è modo di vivere senza il dolore, per quanto lunga o breve sia la tua vita. La gente ti delude. Si viene feriti e per reazione si fanno danni.”

Recensione: Will Ti Presento will di John Green e David Levithan

“Forse c’è qualcosa che avete paura di dire, o
qualcuno che avete paura di amare, o un posto in cui avete paura di andare. farà male. farà male perché è importante.”

Ciao lettori! Oggi sono qui per parlarvi di un libro YA con tematiche LGBTQ+ bellissimo ed emozionante.

Si tratta di “Will Ti presento Will” libro scritto a quattro mani da John Green e David Levithan. Di John Green mi sono innamorata leggendo “Colpa delle stelle”, mentre è la prima volta che mi approccio alla scrittura di Levithan.

Ho amato come i capitoli si alternino tra il punto di vista dell’uno e dell’altro Will. Sono riuscita ad affezionarmi ad entrambi, anche se il personaggio che più ho amato è secondario ed è il dolce e grande Tiny. Tiny è il migliore amico di uno dei due Will e diventerà una persona speciale anche per l’altro Will. È un personaggio complesso che nonostante tutte le sue difficoltà riesce a metterle da parte e a dare tutto se stesso alle persone a cui tiene.

I due Will Grayson si incontreranno per un caso fortuito e da lì la vita di entrambi cambierà prendendo pieghe inaspettate.

È un libro che tratta molti temi, tra cui la depressione, argomento che non avevo mai trovato approfondito in nessun altro libro prima d’ora. Ed è stato come essere colpita ripetutamente al cuore. Ho avuto per gran parte della lettura le lacrime agli occhi. Ho avuto paura per la persona che ne soffriva e per tutte le persone che tenevano a lei.

Oltre a ciò, il libro affronta anche i temi purtroppo ancora attuali dell’omofobia e del bullismo. E anche questi temi sono affrontati con delicatezza, ma in modo da colpire il lettore dritto al cuore.

Ma si parla anche di amicizia, di amore e di resilienza.

Mi è piaciuto tanto il fatto che nei vari capitoli si capiva subito di quale dei due Will si parlasse. La scrittura era diversa: quando il capitolo era dal punto di vista di uno dei due Will dopo il punto non c’era mai la lettera maiuscola, mentre nei capitoli dal punto di vista dell’altro Will la punteggiatura era sempre corretta. L’ho trovato geniale!

È stata una lettura che ho divorato, non riuscivo più a staccare gli occhi dalle pagine ed è stato il libro perfetto da leggere in vacanza.

Non posso che dare 5/5 ★ a questa storia e vi consiglio di recuperarla.
John Green è un autore che merita tantissimo!

Per concludere vi lascio qualche citazione:
“Se tieni a qualcosa non è che a volte ci stai male. Ci stai sempre male.”

“mi sento come se la mia vita fosse sparsa qua e là. come se ci fossero tutti questi pezzetti di carta e qualcuno avesse acceso il ventilatore. ma quando parlo con te mi sento come se il ventilatore venisse spento per un po’.
come se le cose potessero avere davvero un senso. tu mi rimetti insieme, ed è una cosa bellissima. DIO QUANTO SONO INNAMORATO.”

“quando le cose si rompono, non è la rottura in sé che impedisce loro di tornare com’erano prima. è perché si perde un pezzettino e le due parti che restano non si potrebbero incastrare nemmeno se lo volessero. è la forma nel suo insieme a essere cambiata.”

“«NO. No, no, no. Non voglio scopare con te. È solo che ti amo. Da quand’è che conta solo chi ti vuoi scopare? Da quand’è che l’unica persona che ami è quella che ti vuoi scopare? È una cosa così stupida, Tiny! Cioè, cazzo, chissenefrega del sesso?! Tutti si comportano come se
fosse la cosa più importante che gli esseri umani facciano. Ma per favore! Come è possibile che le nostre cazzo di vite ruotino attorno a una cosa che possono fare anche le lumache?! Chi ti vuoi scopare, se te lo sei
scopato, immagino siano domande importanti, va bene. Ma non sono così importanti. Sai cosa è importante? Per chi moriresti? Per chi ti svegli alle cinque e quarantatré del mattino anche se non sai neanche perché ha bisogno di te? Chi è che scaccoleresti quando è troppo ubriaco per farlo da solo?>>”

“e se vuoi avere l’amore, devi accettare anche di cadere.”

Recensione: L’universo Nei tuoi occhi di Jennifer Niven

“La vita è troppo breve per perdere tempo a giudicare gli altri. Che diritto abbiamo di dire al prossimo come dovrebbe sentirsi o cosa dovrebbe essere? Perché non cerchiamo di migliorare noi stessi, invece?”

Ciao lettori. Oggi vi parlo di un libro bellissimo ed emozionante. Si tratta di “l’universo nei tuoi occhi” libro che avevo in libreria da almeno 2 anni e che finalmente mi sono decisa a leggere.
Dopo “respiro solo se tu”, ultimo libro uscito in Italia e primo suo libro che ho letto, mi sono innamorata di questa autrice e questo libro non ha fatto altro che confermare il mio amore per le sue storie.
La Niven è in grado di entrare nel cuore di chi legge le sue storie, riesce a catturarmi, a farmi tornare indietro nel tempo, a darmi coraggio e a farmi venire più volte le lacrime agli occhi.

“L’universo nei tuoi occhi” è la storia di Libby e Jack ed è narrata dal punto di vista alternato di entrambi.
Libby è una ragazza che non sta bene nel suo corpo, anche a causa dei bulli che la fanno stare male con il body shaming. Libby ha perso una persona cara e da quel momento si è chiusa in se stessa, ha smesso di uscire e ha cominciato a mangiare per lenire il dolore. In questo libro vediamo come cresce e come affronta i suoi demoni in seguito ad una terapia e anche grazie al legame che instaura con Jack.
Jack è un ragazzo che soffre di prosopagnosia, una malattia che impedisce il riconoscimento del volto delle persone, anche di quelle che si conoscono da tutta una vita.
Jack dovrà affrontare questo suo problema e avere il coraggio di parlarne con le persone a cui vuole bene.

Era la prima volta che sentivo parlare di questa malattia e mi ha davvero colpito, anche perché l’autrice ne parla con la giusta delicatezza. La Niven riesce a trattare temi delicati nella maniera corretta e toccando il lettore nel profondo. Con questo libro trasmette molta positività, dà speranza e fa riflettere. È il libro perfetto per gli adolescenti perché parla del coraggio di essere se stessi e di affrontare le proprie paure e i propri demoni. Ed è perfetto anche per gli adulti, perché sono temi delicati che toccano tutti allo stesso modo.
Credo che potrebbe aiutare molte persone che non si sentono bene con il proprio corpo e anche coloro che non riescono a mostrare le proprie debolezze agli altri e preferiscono affrontare situazioni difficili da sole.

Ho letto questa storia d’un fiato e spero di recuperare presto anche “raccontami di un giorno perfetto” la cui lettura ho lasciato per ultima perché ho visto il film da cui è stato tratto e vorrei leggerlo senza ricordare troppo della trama per godermelo appieno.

Non posso che consigliarvi di recuperare anche questo libro di Jennifer Niven, perché me ne sono davvero innamorata.
Non posso che dargli 5/5 ★, anche se ne meriterebbe di più. È davvero meraviglioso!

Per concludere vi lascio tre citazioni:
“«La gente è stronza per svariati motivi. Alcuni sono stronzi dentro. Oppure hanno avuto dei genitori stronzi e, senza rendersene
conto, si comportano a loro volta da stronzi. Certi si comportano da stronzi per vigliaccheria. A volte fanno gli stronzi
con gli altri semplicemente per paura. Una specie di stronzaggine difensiva.» “

“«Pensa a quanto sarebbe bello il mondo se, invece di sprecare tutto quel tempo a sparlare di me, la gente lo impiegasse per, che so, esercitarsi a essere gentili con il prossimo, sviluppare la propria personalità o coltivare il proprio spirito.»”

“Bisognerebbe poter fermare il tempo. Schiacciare il tasto PAUSA a un certo punto della vita in modo che tutto resti com’è. Sarebbe bello, no? Le persone care non morirebbero. Non invecchieresti più. Vai a letto la sera e quando la mattina ti svegli trovi tutto esattamente come l’hai lasciato. Nessuna
sorpresa.”

Book e Manga Haul di luglio

Ciao lettori! Eccomi anche questa volta un po’ in ritardo per mostrarvi gli arrivi del mese di luglio…

Perciò iniziamo subito!

1) Shadowhunters – Le origini. Il principe, Cassandra Clare

Libro che già avevo in copertina morbida, ma lo volevo assolutamente in rigida. Ora mi manca solo la principessa!

Ecco la trama del primo libro della trilogia:

Tessa Gray, orfana sedicenne, lascia New York dopo la morte della zia con cui viveva e raggiunge il fratello ventenne, Nate, a Londra. Unico ricordo della vita predente, una catenina con un piccolo angelo dotato di meccanismo a molla, appartenuto alla madre. Quando il fratello maggiore scompare all’improvviso, le ricerche portano la ragazza nel pericoloso mondo sovrannaturale della Londra vittoriana. Sarà rapita, ingannata, sfruttata per la sua straordinaria capacità di trasformarsi e assumere l’aspetto di altre persone. La salveranno due Shadowhunters, Will e Jem, destinati a combattere i demoni, nonché a mantenere l’equilibrio tra i Nascosti e fra questi e gli umani. Tessa sarà costretta a fidarsi. Si unirà a loro nella lotta contro i demoni per poter imparare a controllare i propri poteri e riuscire finalmente a trovare Nate. Ma tutto ciò la porterà al cuore di un arcano complotto che minaccia di distruggere gli Shadowhunters, e le farà scoprire che l’amore può essere la magia più pericolosa di tutte.

2) La terra delle storie – Oltre i regni, Chris Colfer

Quarto libro di una serie che amo!

Ecco la trama del primo:

Alex e Conner non sono contenti della loro vita. Il papà non c’è più, la mamma lavora troppo, e a scuola sono solo problemi. Poi il libro di fiabe ricevuto in dono dalla nonna per il loro dodicesimo compleanno prende vita, e tutto cambia. Perché non è solo un libro, ma la porta che si apre su un altro mondo, e fratello e sorella vi precipitano come Alice, lei per errore, lui per non lasciarla sola. Dall’altra parte c’è la Terra delle Storie, e il primo incontro in quella landa magica è con il Principe Ranocchio. L’avventura chiama. E nelle fiabe, anche nelle più note, niente è come appare…

3) Paper Palace, Erin Watt

Terzo libro della serie, di cui devo ancora leggere il primo… Ma in rigida è difficile trovarli e non potevo non prenderlo quando l’ho visto al mercatino dell’usato!

Trama di “paper princess”:

A diciassette anni, Ella Harper ha già imparato a sbrigarsela da sola. Sempre in fuga, dalle difficoltà economiche e dagli uomini sbagliati di sua madre, si è districata tra mille lavori per riuscire a far quadrare i conti, studiare e costruirsi un futuro migliore. Finché, un giorno, nella sua vita compare un certo Callum Royal. Distinto ma deciso, nel suo costoso abito di sartoria, dice di essere il migliore amico del padre, che lei non ha mai conosciuto, nonché il suo tutore legale. In quanto tale, sarà lui d’ora in poi a sostenere le spese per il suo mantenimento e la sua istruzione, a patto che Ella accetti di vivere con lui e i suoi cinque figli. Ella sa che il sogno che Callum Royal sta cercando di venderle è sottile come carta. Ed è diffidente e furiosa. Ma ancora di più lo sono i fratelli Royal. Easton, Gideon, Sawyer, Sebastian e… Reed. Magnetici e pericolosi, non mancano di farla sentire un’intrusa: lei non appartiene, e non apparterrà mai, alla loro famiglia. E a nulla valgono i tentativi pacificatori di Callum. Ella però non è certo il tipo che si lascia intimorire, e le scintille a casa Royal non tardano ad arrivare. Soprattutto dopo un bacio rubato, che innescherà un’inarrestabile spirale di rabbia, gelosia e desiderio. Per non scottarsi, Ella dovrà imparare presto le regole del gioco…

4) Se i gatti scomparissero dal mondo, Genki Kawamura

Libro che avevo in wishlist da tempo e che ho acquistato approfittando dell’offerta Einaudi.

Di lavoro fa il postino, mette in comunicazione le persone consegnando ogni giorno decine di lettere, ma il protagonista della nostra storia non ha nessuno con cui comunicare. La sua unica compagnia è un gatto, Cavolo, con cui divide un piccolo appartamento. I giorni passano pigri e tutti uguali, fin quando quello che sembrava un fastidioso mal di testa si trasforma nell’annuncio di una malattia incurabile. Che fare nella settimana che gli resta da vivere? Riesce a stento a compilare la lista delle dieci cose da provare prima di morire… Non resta nulla da fare, se non disperarsi: ma ecco che ci mette lo zampino il Diavolo in persona. E come ogni diavolo che si rispetti, anche quello della nostra storia propone un patto, anzi un vero affare. Un giorno di più di vita in cambio di qualcosa. Solo che la cosa che il Diavolo sceglierà scomparirà dal mondo. Rinunciare ai telefonini, ai film, agli orologi? Ma certo, in fondo si può fare a meno di tutto, soprattutto per ventiquattr’ore in più di vita. Se non fosse che per ogni oggetto c’è un ricordo. E che ogni concessione al Diavolo implica un distacco doloroso e cambia il corso della vita del protagonista e dei suoi cari. Soprattutto quando il Diavolo chiederà di far scomparire dalla faccia della terra loro, i nostri amati gatti.

5) Notti in bianco, baci a colazione, Matteo Bussola

Secondo libro preso con la promozione Einaudi. In regalo c’era un bellissimo zaino a scelta tra due colori: Nero e Sabbia.

Il respiro di tua figlia che ti dorme addosso sbavandoti la felpa. Le notti passate a lavorare e quelle a vegliare le bambine. Le domande difficili che ti costringono a cercare le parole. Le trecce venute male, le scarpe da allacciare, il solletico, i «lecconi», i baci a tutte le ore. Sono questi gli istanti di irripetibile normalità che Matteo Bussola cattura con felicità ed esattezza. Perché a volte, proprio guardando ciò che sembra scontato, troviamo inaspettatamente il senso di ogni cosa. Padre di tre figlie piccole, Matteo sa restituirne lo sguardo stupito, lo stesso con cui, da quando sono nate, anche lui prova a osservare il mondo. Dialoghi strampalati, buffe scene domestiche, riflessioni sottovoce che dopo la lettura continuano a risuonare in testa. Nell’«abitudine di restare» si scopre una libertà inattesa, nei gesti della vita di ogni giorno si scopre quanto poetica possa essere la paternità.

6) Una serie di sfortunati eventi – L’atro antro, Lemony Snicket

Undicesimo libro di una serie i cui volumi sono di difficilissima reperibilità…

Ecco la trama del primo:

Cari lettori,

gli orfani Baudelaire sono graziosi e intelligenti, ma la loro vita, mi spiace dirlo, è piena di sfortuna. Se non sopportate storie contenenti uragani, vestiti che pungono, zuppe di cetriolo fredde, individui repellenti, allora questi libri vi getteranno nel più totale sconforto. È mio triste dovere stare sveglio di notte a indagare su questi tre sventurati giovani, ma se voi preferite dormire sonno tranquilli, vi conviene scegliere un altro genere di libro.

Con il dovuto rispetto,

Lemony Snicket

IN QUESTO PRIMO TREMENDO EPISODIO i tre fratelli diventano subito tre orfani, incontrano l’individuo più viscido e malvagio del mondo, rischiano di perdere tutta l’eredità e sono guardati a vista da un uomo con due uncini al posto delle mani. Siete sicuri di volerlo leggere?

7) Una storia di stregoneria, Chris Colfer

Secondo libro della nuova serie di Chris Colfer inviatomi gentilmente da Rizzoli che ringrazio con tutto il cuore. Ovviamente mi ero dimenticata di inserirlo nella foto e l’ho aggiunto dopo con picsart…

Ecco la trama del primo:

IN UN MONDO IN CUI USARE LA MAGIA È UN CRIMINE, LA VITA DI BRYSTAL EVERGREEN STA PER CAMBIARE PER SEMPRE…

In una sezione segreta della biblioteca in cui lavora, Brystal trova un libro che le svela un mondo incredibile e una stupefacente verità: è una fata! Ma nel Regno del Sud alle donne è proibito leggere e la magia è illegale, così Brystal viene rinchiusa nel terribile Centro di correzione Altostivale. È solo grazie all’intervento della misteriosa Madame Tempofiero che riesce a scappare… e a cominciare una nuova vita in un’accademia di magia! Quando però Madame Tempofiero è costretta a partire per risolvere un problema urgente, Brystal e i suoi compagni di classe si ritroveranno a combattere da soli contro l’oscurità che minaccia il destino del mondo e della magia stessa. Ma ci riusciranno?

Ed ora passiamo ai manga:

1) Disegna (serie completa), Akiko Higashimura

Una serie autobiografica in 5 volumi della stessa autrice di Kuragehime – La principessa delle meduse.

Autobiografia dell’autrice, il cui vero nome è Akiko Hayashi, che comincia durante il suo terzo anno di superiori. Spinta dall’amica Futami, Akiko comincia a frequentare un corso d’arte condotto da Kenzou Hidaka, un minaccioso insegnante che passa gran parte del suo tempo a urlare ai suoi studenti, tenendoli concentrati sul disegno usando una spada di bambù. Akiko, inizialmente confusa dal comportamento dell’insegnante e dei compagni, continua comunque a frequentare, fino a diventare l’autrice di manga che è oggi.

2) Il prezzo di una vita (serie completa), Sugaru Miaki e Shōichi Taguchi

Serie che volevo da tempo e che ho trovato ad un prezzo molto conveniente!

Un ventenne con poche speranze per il futuro e a corto di soldi per sopravvivere viene a sapere dell’esistenza di un misterioso negozio in cui le persone possono cedere parte della loro salute, del loro tempo o dei propri anni di vita rimasti in cambio di denaro. Il valore della vita del protagonista, che avrebbe ancora 30 anni da vivere, viene stimato essere 300.000 yen – per la misera somma, quindi, di 10.000 all’anno. Il ragazzo accetta lo scambio, ritrovandosi così con all’incirca tre mesi da vivere; a lui verrà affiancata un'”osservatrice” del negozio, in modo che la disperazione non lo spinga a compiere atti sconsiderati volti a far del male ad altre persone. La storia segue le conseguenze di questa decisione.

3) Takane e Hana 18 variant, Yuki Shiwasu

Sì, avevo già il 18 e sì, volevo anche la variant.

Quando Hana sostituisce la sorella ad un incontro a scopo matrimoniale non si aspetta certo di essere insultata e chiamata “banale” e “piatta” dal bellissimo Takane! Furiosa, decide di cambiare la situazione a suo vantaggio, accettando di stare con lui invece che rifiutarlo. Riusciranno questi due a trovare l’amore?

4) Chitose Etc. 2-3-4, Wataru Yoshizumi

Con questi tre volumi ho concluso la serie che ho letto e adorato!

Chitose lascia Okinawa per trasferirsi a Tokyo, rincorrendo il suo grande amore: Koushu. Riuscirà quest’ingenua ragazzina di campagna ad adattarsi alla vita nella metropoli?

5) Soul Eater 11, Atsushi Ohkubo

Mi mancano solo tre volumi per concludere e poter finalmente leggere questa serie!

“Soul Eater” ruota attorno agli studenti della Shinigami buki Shokunin Senmon (Shibunsen), una scuola professionale per meister e le loro buki (armi demoniache che hanno forma umana). La scuola è stata creata dal Dio della morte che ha anche la funzione di preside; ogni meister ha un compagno (in rari casi due) con cui combatte. Lo scopo finale della scuola è mantenere la pace e impedire che sorga un nuovo Kishin (un meister demoniaco che ha quasi fatto sprofondare questo mondo nel caos); a tal proposito, gli studenti della scuola raccolgono le uova di kishin, che sono le anime umane malvagie. Assorbite 99 anime più quella di una strega, la buki diventa un’arma potente che può essere usata dallo Shinigami. Ovviamente, per far in modo che gli studenti siano in grado di affrontare tale compito, meister e buki frequentano la scuola e le lezioni supplementari. Durante il loro apprendistato, gli studenti potranno, oltre a frequentare i corsi, affrontare le missioni che Shinigami-sensei ordina loro. Quasi sempre si tratta di fronteggiare un nemico per poi poterne mangiare l’anima.

6) Requiem of the rose king da 1 a 11, Aya Kanno

Ammetto che avevo in wishlist questa serie per le meravigliose copertine… ma anche la storia mi intriga parecchio!

Il dark fantasy si colloca storicamente durante la “Guerra delle due Rose”, guerra di successione al trono inglese, consumatasi tra il 1455 e il 1485, tra due diversi rami della casa regnante dei Plantageneti: i Lancaster e gli York. La guerra fu così denominata solo nel XIX secolo, dopo che Walter Scott, nel 1829, aveva pubblicato la novella Anna di Geierstein, facendo riferimento agli stemmi dei due casati, che recavano rispettivamente una rosa di colore rosso e una bianca.

Il protagonista del manga è Riccardo, l’ambizioso terzo figlio della Casa degli York, il quale, nato ermafrodita, crede di essere maledetto, condannato dalla nascita alle tenebre eterne. Ma è davvero il destino a spingerlo verso la distruzione personale? O i suoi desideri tormentati? Liberamente ispirato alla tragedia Riccardo III di William Shakespeare.

.

.

Siamo giunti alla fine… Avete letto qualcuna di queste opere? Cosa ne pensate?

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Trame prese da Goodreads e Animeclick.

Recensione: L’ultimo sacrificio di Richelle Mead

“Che cos’era l’amore in realtà? Fiori, cioccolatini e poesia? O c’era qualcos’altro? Era finire le battute di un altro? Era avere fiducia assoluta che l’altro ti proteggesse? Era conoscere qualcuno così bene che quello capiva all’istante perché facevi quello che avevi fatto, e credeva nelle stesse cose?”

Ciao lettori! Finire una serie non è mai facile, soprattutto se è una di quelle serie che emoziona e tiene incollati alle pagine dall’inizio alla fine.

E finire l’accademia dei vampiri mi ha lasciato un grande vuoto dentro… quanto mi mancheranno i personaggi di questa serie!

È l’unica serie in cui, alla fine della lettura, il mio cuore è rimasto totalmente diviso tra due personaggi maschili, Adrian e Dimitri. Non ho fatto il tifo più per uno che per l’altro, ma per entrambi allo stesso modo, perché sono entrambi ragazzi meravigliosi che si sono fatti amare e odiare, che hanno fatto tanti errori e che hanno cercato di porvi rimedio. E soprattutto ragazzi che danno tutto il loro cuore alla donna che amano.
Solitamente ho sempre un personaggio maschile che mi piace più dell’altro, ma in questo caso no.

In quest’ultimo libro ho rivalutato ancora di più Lissa, ma Rose rimane la mia preferita.
In questo libro avviene anche l’incoronazione di una nuova regina e una grande parte della storia è ambientata a Corte, una cosa che ho adorato! Ormai dovreste sapere che ho un debole per le storie ambientate a Corte!

Questo ultimo libro è ricco di azione e di colpi di scena e mi ha emozionata tantissimo!

Nel libro precedente era avvenuto un omicidio e in questo libro bisogna trovare il colpevole… E quando è stato svelato, sono rimasta davvero senza parole. Non me l’aspettavo!

Un libro davvero bellissimo, una conclusione degna di una serie stupenda.
Non posso che dare 5/5 ★ e consigliarvi di nuovo di leggerla!

Vi lascio due citazioni per concludere:
“Io non credo nelle anime gemelle, non esattamente. Penso che sia ridicolo credere che nel mondo esista una sola persona destinata a noi. […] E credo che sia ridicolo anche il discorso delle “due anime che diventano una cosa sola”. Ognuno deve contare solo su se stesso. Però credo anche che le anime possano trovare una sintonia, che possano rispecchiarsi l’una nell’altra”

“Stare con lui dopo tanto tempo, dopo tutto quello che avevamo sopportato… fu come tornare a casa. Come essere finalmente in quello che era il mio posto, e con la persona giusta.”

Recensione: Forse ci ritroveremo di E. Lockhart

Ciao lettori! Oggi sono qui per parlarvi di un libro su cui sono molto indecisa… Mi ha tenuta incollata alle pagine dal secondo all’ultimo capitolo, ma il finale non mi ha pienamente soddisfatta.

Adelaide è una ragazza di 17 anni alle prese con problemi amorosi. La sua relazione con “Mikey doppia L” è finita e lei non fa altro che pensare a lui. Ma incontrerà anche un nuovo ragazzo, Jack… O forse no.

È un libro dalla struttura narrativa molto particolare.
A inizio lettura l’ho trovato davvero molto strano. Scritto in carattere diverso, sono narrate delle scene come se le immagina la protagonista, come potrebbero andare se succedesse una determinata cosa, se la protagonista prendesse una determinata scelta. E la protagonista, come afferma lei stessa ad un certo punto, pensa in forma di poesia: l’autrice va a capo spesso, anche dopo una sola parola, ricordando proprio le forme poetiche.
Perché ho detto incontra un nuovo ragazzo o forse no? Perché l’autrice ci racconta diverse versioni della storia e non in tutte Adelaide incontra Jack.

Adelaide è una protagonista che riflette e immagina molto e noi entriamo nelle sue riflessioni. Ha una migliore amica, Stacey S, che la supporta sempre. E un fratello, Toby, con il quale deve cercare di ricostruire un rapporto.

È una storia che parla di come una scelta può cambiare tutto e di tanti mondi possibili in cui una determinata scelta porta ad una certa conseguenza.
Parla di affrontare il dolore, delle cattive compagnie e della dipendenza da farmaci e droghe.

Come vi dicevo non riuscivo a staccarmi dalle pagine e la storia mi ha emozionato, soprattutto quando l’autrice ha fatto emergere la complicata situazione famigliare di Adelaide, ma c’è qualcosa che mi ha lasciata perplessa, il finale in primis. Non sono sicura di aver capito appieno la storia. Il libro è diviso in quattro parti e l’ultima parte, senza contare l’ultimo capitolo, mi è sembrata superflua, una versione della storia in più che potevo anche non leggere…

È un libro strano, non saprei come altro definirlo. Bello, ma che non mi ha convinta fino in fondo.
Perciò gli do 3,5/5 ★.
Se lo avete letto sono curiosissima di sapere il vostro parere.

Ringrazio come sempre la Dea Planeta Libri per la copia.